Olio Nuovo

Olio Nuovo

è un prodotto estratto dalle olive,olio di oliva superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici.
In commercio esistono moltissimi oli extra vergine di oliva, ma è difficile riconoscere quali sono i freschi e quali i vecchi. Un olio nuovo è prodotto da pochissimo tempo, mediamente inferiore ad un anno.
L'Olio Nuovo è il primo olio delle prime olive del nuovo raccolto, appena franto, subito imbottigliato per trattenere le sue preziose gocce e la sua vivace fragranza, NON FILTRATO - NON DECANTATO, è una categoria non prevista da alcuna normativa, è prodotto allo stesso modo del restante extravergine ma presenta maggior sostanze antiossidanti.
Olio Nuovo denominato anche Olio Novello dal sapore amaro, la percezione dell’amaro è legata alla presenza di composti fenolici.
L'olio nuovo: un concentrato di sapore, qualità e salute in quanto ricco di Polifenoli potenti antiossidanti utili all'organismo.

olio nuovo

I fenoli si dividono l’oleuropeina aglicone,idrossitirosolo e derivati, essi sono molti attivi nell’inibire l’aggregazione piastrinica nel sangue,  riducono i danni ossidativi, un effetto antitrombotico e preventivo contro l’arteriosclerosi,per alcune forme di cancro, riduce la proliferazione delle cellule tumorali.
L’olio extravergine di oliva è ricchissimo di vitamina E ,tale vitamina rende ancora più forte il nostro sistema immunitario e, contrastando i radicali liberi, ci protegge dall’invecchiamento delle cellule.

Non bisogna credere che esistono olii di oliva “magri” e olii di oliva “grassi”.
Un olio sia dolce, piccante o amaro non fa alcuna differenza.
In generale un olio nuovo di annata ha sicuramente un profumo, un colore e un sapore più vivo, più fresco e più piacevole di un olio vecchio.

La stagione migliore per comprare olio extravergine d'oliva nuovo è fine autunno inizio novembre, perché in questo periodo viene eseguita la raccolta e molitura delle olive e si può apprezzare
L’olio extra vergine d’oliva si considera migliore quando è appena franto.
L’olio extravergine d’oliva non scade, non danneggia la salute e dopo due anni acquista sempre più un sapore dolce, trascorsi i due anni però, inizia il processo di ossidazione, perde le sue proprietà organolettiche,cambia colore e l'aroma iniziale, dal terzo anno in poi non è più consigliabile per il consumo alimentare.

Per legge un olio d’oliva deve essere consumato entro 18 mesi, dalla data di imbottigliamento, ma noi preferiamo dalla data di produzione.

Il detto dice appunto “olio nuovo e vino vecchio"

Un olio nuovo è da preferire sempre ad uno vecchio sia per il grado di acidità più basso,sia per il carico di quelle sostanze organolettiche che con il passare del tempo comunque vanno perse, primi fra tutti i polifenoli scopri i dettagli di un Olio Nutraceutico...segui il link