Origini della Dieta Mediterranea

La Dieta Mediterranea ha origine Millenaria

melenzane olioconsiste in una dieta povera di grassi e di proteine animali, composta da sani alimenti, se accompagnata anche da attività fisica, risulta molto salutare, un modello vincente, molti paesi come Germania, Stati Uniti, Giappone e adesso perfino la Cina sono i maggiori consumatori di prodotti basilari della Dieta Mediterranea come olio di oliva, vino, cereali, legumi, pasta ecc...
La dieta mediterranea è considerata un vero e proprio modello Alimentare, ad essa vengono attribuiti molti meriti, in quanto svolgono una funzione preventiva nei confronti delle patologie cardiovascolari e delle neoplasie.

La Dieta Mediterranea consiste di consumare i prodotti vegetali, legumi,ortaggi, frutta, cereali e olio extravergine che sono alla base della Dieta, il pesce, le uova, il latte e i suoi derivati, anche il vino in quantità normali rientra nel modello alimentare della Dieta Mediterranea ed infine alimenti di origine animale (preferibilmente carni bianche ) anche se in quantità ridotte.

Nel 1939, il primo a intuire la connessione tra alimentazione e malattie del ricambio, quali diabete, bulimia, obesità, fu il medico nutrizionista italiano Lorenzo Piroddi.

Considerato il "padre" della dieta mediterranea

Ma fù lo scienziato americano Ancel Keys il quale si fece promotore dell'ampio programma di ricerca noto come Seven Countries Study , Keys aveva notato una bassissima incidenza di malattie delle coronarie presso gli abitanti di Nicotera (dove abbiamo i nostri uliveti) e dell'isola di Creta, nonostante l'elevato consumo dei grassi vegetali forniti dall'olio d'oliva, e avanzò l'ipotesi che ciò fosse da attribuire al tipo di alimentazione caratteristico di quell'area geografica.
In seguito a questa osservazione prese l'avvio la famosa ricerca "Seven Countries Study", basata sul confronto dei regimi alimentari di 12.000 persone, di età compresa tra 40 e 59 anni, sparse in sette Paesi del mondo (Finlandia, Giappone, Grecia, Italia, Olanda, Stati Uniti e Jugoslavia).

I risultati dell'indagine non lasciarono dubbi: la mortalità per cardiopatia ischemica (infarto) è molto più bassa presso le popolazioni mediterranee rispetto a Paesi, come la Finlandia, dove la dieta è ricca di grassi saturi (burro, strutto, latte e suoi derivati, carni rosse).

Ancel Keys, e altri scienziati che presero parte al "Seven Countries Study", proseguirono i loro studi a Nicotera (Vibo Valentia), Crevalcore (Emilia), Montegiorgio (Marche).

A Pioppi (Pollica), nel Cilento, Keys continuò a vivere per oltre 40 anni.

È stato insignito nel 2004 della Medaglia al merito alla salute pubblica dello Stato Italiano.

Olio e Dieta Mediterranea

Sono sempre più numerose le prove scientifiche che dimostrano gli effetti positivi dell’olio extra vergine d’oliva per la salute dell’uomo, sembra che lubrifica la mente clicca qui.........